Che cos’è uno Zero Client?

2019-10-10T10:29:02+02:009 Ottobre 2019|

Benvenuti al secondo appuntamento di #Praim4Beginners, una serie di articoli che vi aiutano a scoprire di più sui fondamenti del mondo dei Thin Client. Lo facciamo rivisitando le basi, ma anche introducendo le tecnologie più innovative.

Nel primo articolo abbiamo parlato di cosa sono i Thin Client, mentre in questo appuntamento scoprirai gli Zero Client Praim.

Il termine Zero Client, nella sua forma più semplice, è definito come un endpoint per l’elaborazione basata su server che non ha memoria locale, tutte le impostazioni di configurazione sono archiviate nella memoria flash. Ci sono state e ci sono ancora diverse soluzioni che aderiscono a questa definizione, che però può rischiare di riferirsi a una soluzione endpoint non flessibile.

Spesso agli Zero Client è richiesto di connettersi solo a una specifica tecnologia server-based, ovvero semplicemente tramite Blast Extreme, ICA o RDP. Tutto ciò potrebbe essere fatto tramite un portale Web, ma l’aspetto centrale è l’utilizzo di una singola tecnologia. Ed è in questo caso che uno Zero Client tradizionale può essere restrittivo, perché un dispositivo conforme a questa pura definizione si connetterà solo all’ambiente supportato. Il chipset Teradici che funziona con PCoIP ne è un esempio.

Praim offre una gamma di dispositivi con connessione a piattaforme verticali, offrendo così la funzionalità Zero Client. Questi endpoint supportano una vasta gamma di periferiche hardware e software e possono anche essere convertiti per funzionare in un altro verticale o essere aggiornati a più server che collegano Thin Client. Inoltre, gli endpoint di Praim si basano su una tecnologia standard non proprietaria che garantisce supporto agli sviluppi futuri di software e hardware. Questi dispositivi differiscono dalle unità basate su PCoIP ecc. in quanto si basano su ThinOX, il sistema operativo di Praim.

Praim offre anche una gamma completa di soluzioni endpoint per l’elaborazione basata su server, su hardware x86 o Raspberry Pi, nonché software di repurposing. Tutte queste soluzioni sono gestibili attraverso la piattaforma di gestione centralizzata Praim ThinMan e possono essere protette utilizzando l’autenticazione a due fattori ThinMan Smart Identity.