Università degli Studi di Firenze: le biblioteche di Ateneo passano alla gestione centralizzata

Per la sua infrastruttura VDI l’Ateneo Fiorentino ha scelto la flessibilità e la gestione dei dispositivi Thin Client Praim.

Obiettivo

L’esigenza dell’Università di Firenze era quella di dismettere postazioni ormai divenute obsolete, nello specifico, dispositivi con sistema operativo Microsoft Windows XP e Terminal Server. L’Ateneo richiedeva anche un sistema rapido per configurare le postazioni nelle aule didattiche necessarie ai docenti per lo svolgimento delle loro lezioni. Postazioni che dovevano poi essere divise sulla base delle applicazioni e software da eseguire.

Sfida

La grande sfida affrontata dall’Università di Firenze ha riguardato, in primo luogo, la migrazione di molte postazioni con un numero limitato di risorse umane. Di primaria importanza per SIAF (Servizi Informatici dell’Ateneo Fiorentino) era anche la soddisfazione degli utenti delle biblioteche di ateneo, da raggiungere attraverso la massimizzazione delle risorse desktop.

Soluzione

L’implementazione di un’infrastruttura VDI e l’utilizzo di dispositivi Thin Client Atomino Quad Core Series. La configurazione automatica dei dispositivi è stata resa possibile attraverso l’utilizzo della console di gestione centralizzata ThinMan in versione Platinum.

Risultati

La riduzione dei tempi di gestione dei desktop virtualizzati, la rapidità del deployment e di configurazione delle postazioni di lavoro e l’elevato risparmio energetico sono solo alcuni dei benefici riscontrati dall’Ateneo Fiorentino.

 

Vuoi leggere il Case Study? Ricevi via email una copia

Crediamo che l’evoluzione derivi dalle esperienze condivise. Inserisci la tua email per ricevere il case study completo. Richiedendo il file accetti i nostri Termini di servizio.

I commenti sono chiusi.