Come sarà l'ICT Manager del futuro? – Praim