In questo articolo, approfondiremo ThinMan, la console di gestione centralizzata di Praim, dalle basi, fino ad arrivare ad alcune delle configurazioni avanzate. Ricordiamo innanzitutto il diagramma di base di ThinMan:

ThinMan ci consente di avere un’unica console per gestire tutti gli endpoint, sia di tipo Thin Client che PC, oltre a permettere alle aziende di ridurre le attività di manutenzione di decine, centinaia o migliaia di dispositivi in modo centralizzato.

Questa è una lista con le caratteristiche di ThinMan:

  • Discovery automatico
  • Status degli endpoint e notifiche
  • Visualizza la configurazione: RAM, dischi, connessioni, versioni del firmware e dispositivi connessi
  • Inventario dei file
  • Creazione di gruppi
  • Assegnazione automatica dei dispositivi
  • Risparmio energetico/WOL
  • Gestione delle configurazioni
  • Aggiornamenti
  • Configuration management
  • Updates
  • Clonazione e ripristino
  • Distribuzione di software
  • Assistenza remota
  • Attività programmate
  • Attività su evento
  • Assegnazione automatica del profilo per dispositivi e tipo di utente

Architettura e componenti di ThinMan

ThinMan può scalare da alcune decine di utenti e Thin Client, fino a migliaia o diverse decine di migliaia di utenti e Thin Client. Per ottenere tale dimensionamento, ThinMan può essere distribuito seguendo una delle quattro opzioni che vado ad elencare di seguito.

ThinMan con database interno

Questa è la modalità più semplice per installare ThinMan e la più utilizzata per la sua semplicità e per l’ampio spettro di casi che copre.

Praim consiglia l’uso di ThinMan in questa modalità se non hai bisogno di profili utente in modalità ad alta disponibilità e non hai  particolari requisiti di business continuity.

ThinMan con database esterno

Questa seconda modalità è destinata a coloro che hanno già un’istanza MySQL e desiderano utilizzarla come database per i dati ThinMan. Non è raccomandato per chi non possiede già un’istanza di MySQL in esecuzione perché aggiunge complessità in termini di manutenzione, installazione e configurazione.

ThinMan non salva i dati memorizzati in un database esterno, pertanto è necessario definire la nostra politica o la procedura di backup/archiviazione/copia.

ThinMan primario e secondario con un singolo database condiviso (è consentito solo il database esterno)

Questa modalità è destinata a chi necessita di un server ThinMan primario e un server ThinMan secondario.

Questa modalità è consigliata nel caso si utilizzino i profili utente basati sulla login di ThinMan. In questo caso è necessario fornire un’architettura ad alta disponibilità che consenta sempre una risposta al Thin Client.

Il single point of failure, però, la rende meno consigliabile rispetto alla modalità descritta di seguito.

ThinMan primario e secondario con database replicato (è consentito solo il database esterno)

 

Anche questa modalità è destinata ai client che necessitano di un server ThinMan primario e un server ThinMan secondario.

Rispetto alla precedente, questa modalità, attraverso una doppia istanza di DB, consente una maggiore disponibilità dei servizi, risolvendo anche il problema del single point of failure.

Questa modalità è destinata a società di grandi dimensioni che richiedono un’adeguata business continuity, nonché un’architettura di disaster recovery.

Sebbene non sia un’architettura con bilanciamento del carico, entrambi i server possono rispondere alle richieste dei Thin Client. Il server primario viene sempre consultato per primo e solo in caso di errore verrà consultato il supporto secondario.

Installazione di ThinMan 7.8.x

Una volta che abbiamo pensato all’architettura di cui abbiamo bisogno per il nostro ambiente, l’installazione di ThinMan con il database incluso in un singolo server è piuttosto semplice. Vediamo i passaggi:

Lanciamo l’eseguibile che ci permette di selezionare la lingua, tra inglese o italiano:

Selezioniamo l’inglese e apparirà il messaggio con i prerequisiti che dobbiamo installare: Microsoft Visual C++ 2010, nel caso in cui non lo avessimo già installato:

Una volta terminata l’installazione dei prerequisiti, verrà lanciata la finestra con la versione 7.8:

Inizia il processo di installazione, a seconda dell’hardware ci vorrà più o meno tempo. Nel mio caso ci sono voluti solo pochi minuti:

Accettiamo l’EULA per continuare:

Inseriamo un nome e una società validi per poteri registrare successivamente in Praim:

Queste sono le porte predefinite per l’installazione, possiamo cambiarle se ne abbiamo bisogno, soprattutto se abbiamo un solo IP pubblico, fare NAT della porta 443 può essere complicato, anche se io consiglio di gestire i Thin Client tramite la VPN:

Per il processo di installazione ci vorranno pochi minuti:

Una volta che il processo è terminato, possiamo eseguire direttamente la console, così come la console web:

Quando si avvia la console ThinMan per la prima volta, verrà visualizzata la richiesta di introdurre una licenza o continuare con la versione di prova, se si sta valutando il prodotto, la prova può essere sufficiente:

Tutto è pronto e possiamo passare alla sezione successiva.

Configurazione iniziale di ThinMan

Come accennato in precedenza, il primo passo sarà quello di selezionare la licenza che vogliamo utilizzare, nel caso della prova di 30 giorni, ricordate che è limitata a un massimo di 5 Thin Client:

Nel mio caso ho usato una licenza valida per avere accesso a tutte le funzionalità senza limite di terminali.

Il prossimo passo ragionevole, a mio parere, è di iniziare a creare i gruppi in cui metteremo i nostri Thin Client, per reparto, per posizione, ecc.

Una volta creato il gruppo, dobbiamo conoscere l’intervallo IP in cui questi computer verranno localizzati, tramite DHCP o manualmente tramite IP:

Una volta che abbiamo collocato i terminali, siano essi Thin Client, Raspberry o ThinOX, possiamo vederli nei rispettivi ranghi di rete e assegnare loro le licenze:

 

Tra tutte le funzionalità di ThinMan, una di quelle che mi piacciono di più è il controllo remoto via VNC, perfetto per risolvere i problemi che l’utente finale potrebbe avere:

 

Licenze ed edizioni di ThinMan

La licenza è basata su due versioni, ThinMan Premium e ThinMan Platinum.

L’edizione Premium è progettata per essere uno strumento gratuito che include molte funzionalità essenziali per aiutare i responsabili IT in ambienti ragionevolmente complessi. La console è gratuita per il primo anno di utilizzo per i clienti Praim.

La versione ThinMan Platinum offre funzionalità avanzate, configurazioni illimitate e più console. È progettata per ambienti aziendali multi-sito con esigenze di configurazione estremamente elaborate. La Platinum Edition offre agli amministratori IT una console completa per gestire un numero illimitato di dispositivi in ??modo completamente automatico e per distribuire le operazioni di gestione e le funzioni di help desk a più operatori.

Nella scheda Edizioni alla fine della pagina del prodotto di ThinMan trovi tutte le informazioni sulle due versioni.

Puoi scaricare gratuitamente tutti i software Praim dal sito web, cliccando qui.